FOLLOW ME > facebook blog | photography* | twitter | instagram* | rss

19 marzo 2011

Come fotografare la Luna | Guida semplice per principianti

Oggi 19 Marzo 2011,anzi durante la mezzanotte tra oggi e domani la Luna piena passerà ad una distanza incredibilmente vicina alla Terra. Si chiama perigeo lunare, ossia la distanza più piccola tra il nostro pianeta e il nostro satellite, 353.400 chilometri, il che si traduce in un +14% di grandezza rispetto al solito.

A parte questo sono sicuro ci avrete provato, anche con al macchina fotografica digitale più semplice: fotografare una bella luna piena o magari anche a spicchio è qualcosa che affascina sempre parecchio. Oggi, in vista dell'appuntamento di stanotte proverò a darvi qualche dritta per uno scatto il più bello possibile con mezzi e parole non troppo sofisticate. Di guide in internet ce ne sono parecchie ma molte sono rivolte a professionisti e rischiano di mettervi in confusione piuttosto che aiutarvi.

Innanzitutto vediamo l'attrezzatura necessaria:
  • cavalletto
  • macchina fotografica con comandi manuali
  • zoom almeno 10x / obiettivo con almeno 200mm di distanza focale (35mm)
Il cavalletto. È indispensabile, pensare di fotografare la Luna senza sarebbe qualcosa di impensabile, considerando poi che si deve comunque usare un certo grado di zoom non si riuscirebbe a stare fermi a sufficienza per avere una foto nitida.
Macchina fotografica con comandi manuali. È necessaria perché il nostro satellite è piuttosto ostico dal punto di vista fotografico, è inserito in un ambiente estremamente scuro (il cielo) ed è incredibilmente luminosa, se non "giocate" manualmente con diaframma e tempo di esposizione rischiate di fotografare una sorta di lampione luminoso che non assomiglia a quello che si vede nei giornali.
Zoom. Facile immaginare come mai si necessiti di questo strumento. Non fatevi ingannare dalla distanza più vicina del solito, ad occhio nudo la differenza è impercettibile e quindi dovete avvicinarvi il più possibile. Io vi ho segnalato lo zoom minimo da usare, se ne avete uno ancora più potente, meglio, ma fate attenzione: la Luna si muove (eh... sì), per cui all'aumentare dello zoom dovrete diminuire il tempo di esposizione. Più da vicino la inquadrate e più siste sensibili ad ogni suo più piccolo movimento, dovrete quindi "congelare" il movimento con un tempo molto basso.

Vi posto adesso le mie impostazioni di scatto, non è detto che vadano bene per tutti ma potete vedere come assomigliano molto a ciò ce vi ho detto:
  • Focal Length (lunghezza focale) (35mm Equiv): 624 mm
  • Exposure Time (tempo di esposizione): 1/60 sec
  • F-Number (diaframma): f/8.0
  • ISO Speed Rating: 100
Come vedete ho spinto lo zoom disponibile fino al massimo, per questo il tempo di esposizione è incredibilmente alto (per essere una foto in notturna), solo 1/60 di secondo, per evitare che la foto venisse mossa a causa del movimento della Luna, ma anche per evitare che la luminosità troppo intensa facesse apparire solo un disco bianco. È questo il problema maggiore, quello del disco bianco, per cui anche con zoom meno spinti dovete usare tempi di scatto molto brevi. Potrebbe non bastare, per cui il diaframma viene chiuso fino all'apertura minima disponibile, nel mio caso f/8.0, ma potendo arrivare anche a f/11 o f/16 approfittatene pure. Questo vi permetterà di mettere poi a fuoco manualmente, con più facilità, la Luna, impostando il focus su infinito. Alla fine gli ISO devono essere impostati sempre al valore più basso, solo questo farà si che non compaia del "rumore" sulle foto, che potrebbe rovinare l'immagine.

Lo sfondo. Effettivamente il resto del cielo e del paesaggio dove lo mettiamo? Noterete chiaramente che una volta ottenuto un buono scatto della Luna tutto il resto risulterà nero. La cosa è normale, per evitare la troppa luminosità della Luna dovete fare di tutto per far entrare meno luce nell'obiettivo per cui tutto il resto sarà nero. L'unica cosa è unire due scatti, uno dello sfondo e una della Luna. Se invece questa si trova vicino alle case l'unica speranza di poter effettuare uno scatto unico è avere un paesaggio molto illuminato, in questo anche con esposizioni molto brevi non rischiate che il paesaggio risulti nero.

Siamo giunti alla fine, spero di avervi aiutato, spero di essere stato sufficientemente chiaro. Stasera non so se sarò in prima linea per tentare qualche scatto, purtroppo il tempo da queste parti non sembra essere dei migliori, però nelle prossime settimane ho comunque qualche scatto da mostrarvi (come potete intuire dalla sottile immagine all'inizio del post.

2 commenti:

Stefano Rosso ha detto...

Ottimo! Sono venute fuori benissimo!!!

Anonimo ha detto...

Grazie mille per il consiglio. Venuta abbastanza bene!