FOLLOW ME > facebook blog | photography* | twitter | instagram* | rss

29 ottobre 2008

Wall-E

Ho avuto occasione di vedere questo film di animazione e senza spendere tante parole sulla trama sono rimasto piacevolmente soddisfatto.
Il film come si può chiaramente immaginare narra la storia d'amore tra due robot, Wall-E (Waste Allocator Load Lifter - Earth class, sollevatore terrestre di carichi di rifiuti) e EVE (Extraterrestrial Vegetative Evaluator, Esaminatore di Vegetazione Extraterrestre), dall'aspetto completamente opposto.
Image
Mentre l'uno è un vago riferimento al robot Numero 5 del film "Corto circuito", e si attiva emettendo il classico "Boing" che si sente all'avvio di ogni computer Apple, EVE è stata disegnata direttamente dalle preziose mani di Jonathan Ive, design di Apple e di tutti i sui prodotti (iPod, iPhone, iMac).
La solerte robottina incaricata di trovare forme di vegetazione nel pianeta Terra presenta quindi un corpo affusolato bianco, con un grande display che visualizza gli occhi, assomigliando un po' al design degli iPod. Come se non bastasse nel corpo bianco sono presenti delle luci e nelle braccia si vedono i circuiti che si illuminano (ma come per la luce di stop degli iMac G5) quando queste luci quando sono spente sono completamente invisibili nella scocca. E le luci lampeggiano proprio come nei computer Apple, come un tranquillo respiro.

Ma i riferimenti ad Apple non sono finiti perché Wall-E nella sua casa piena di tutti i rifiuti più interessanti che ha collezionato nella sua lunga carriera è presente anche un vecchio iPod mentre la voce di Auto, è stata creata con MacInTalk, sintetizzatore vocale creato da Apple.
Anche il suono che emette Wall-E quando raggiunge la carica delle batterie è lo stesso che ogni utente Mac sente all'avvio del proprio computer.

In ogni caso non solo Apple viene citata nel film, che è un po' un omaggio a tutto quello che stiamo dimenticando, il Cubo di Rubik, Pong, ma anche i film del cinema muto di Charlie Chaplin.
Non ci resta altro da dire, se non che (annotatevelo nell'agendina) il film è stato realizzato con RenderMan, software per creare interfacce in 3 dimensioni realizzato da Pixar per creare i propri film. Il software viene usato anche per creare gli effetti speciali in molti film, in questa pagina trovate la lista di tutti i film in cui viene usato questo programma.

Davvero divertente e molto piacevole anche la colonna sonora, che si rifà sullo stile americano ai tempi di Broadway degli anni '60-'70 ed è in pieno contrasto con lo spirito tecnologico del film. Il mio brano preferito è "La vie en rose" interpretato dal grandissimo Louis Armstrong.

Per quanto riguarda i brani non originali creati per il film anche due classiconi di Michael Crawford:
- "It only takes a moment"
- "Put on your sunday clothes"
Ultima curiosità per gli appassionati. Pixar nasce grazie a George Lucas (sì, quello di Guerre Stellari), viene comperata da Steve Jobs (fondatore di Apple) nel 1986. Vent'anni più tardi Walt Disney Company acquisisce Pixar e Steve Jobs diventa il più grande azionista individuale Disney. Amante del cibo salutare si intuisce facilmente come mai il merchandising Disney non compaia più nei menu Mc Donald's da quando Jobs è entrato a far parte della società.

Se da una parte viene fuori qualche somiglianza con altri classici lo scopo principale del film è quello di far riflettere sul mondo in cui viviamo, creandone una visione pessimistica e talvolta distorta. Ma se questo potrebbe sembrare un limite in realtà il film vuole dare una speranza. Quello che ci salverà potrà essere il nostro amore per questo pianeta che non merita una fine sommerso dalla spazzatura.
Ma c'è anche la storia d'amore per i più romantici, una di quelle storie che pian piano si stavano perdendo nei film Disney e che la tecnica digitale riesce a trasmettere con l'intensità giusta.
Se un giorno due robot conosceranno l'amore oppure se l'umanità dovrà abbandonare la Terra non è dato saperlo però non fa mai male rifletterci un po' su.

In definitiva un film carino, che i bambini non riusciranno a capire fino in fondo e gli adulti bolleranno subito come film per bambini avendo capito ancora meno. Perché sarebbe bello cercare di essere sempre più bambini possibili in alcune situazioni.

13 commenti:

Riccardo 'rkp' Peruzzini ha detto...

Certamente la Pixar è stata quantomeno coraggiosa a produrre un film con una storia così particolare. Sugli incassi è stata comunque premiata. Speriamo possa competere anche per gli Oscar non tecnici (sceneggiatura, miglior film, ...) perchè il film è davvero bellissimo!

Noy a.k.a. Manah ha detto...

Non avrei saputo descrivere meglio il capolavoro Pixar (sono di parte, quale utente Mac). Avevo quindi già colto le chicche del "boing" e del vecchio iPod (prima generazione, se non sbaglio) mentre sapevo dell'ottimo design di EVE.
Il film acquista molto spessore nella seconda parte, quando il piccolo Wall-E arriva sulla nave da crociera... da lì è spasso puro. La prima parte è forse più dedicata malinconicamente al disastro ambientalista ma non per questo è meno importante.
Nota positiva per l'OST, concordo.
Ciao!

Zion ha detto...

io mi sono commossa. Da un lato perchè adoro le favole (e se questa non è una bellissima favola, allora non so proprio come definirla!!!), dall'altro lato perchè se solo entrasse veramente nel cuore delle future generazioni questo spirito ambientalista sarebbe veramente ma veramente fantastico.
io ci spero, e non sottovaluto la potenza delle creazioni come questo film di animazione perchè il messaggio entra dritto nel cuore.

Mi hanno preso in giro per le lagrime, ma personalmente questo piccolo grande film è un'altra speranza: la speranza che veramente possa cambiare la mentalità della gente.

Zion

ps e continuo a dirlo: Jobs è un grande. Anche per la storia del merchandising non più legato a McDonald. Evvai!

Saint Andres ha detto...

Concordo sul fatto che Jobs sia un grande, ha davvero rivoluzionato il mondo dell'informatica, ha voluto l'IPod e ha vinto la sfida dell'iPhone.
Non voglio pensare ad una Apple senza di lui.

Momo ha detto...

Cavolo, sapevo bene o male tutto, ma non che Ive avesse disegnato EVE. Guarda caso si chiama quasi come lui! Grazie delle info!!

Saint Andres ha detto...

Eh sì, Momo, pare proprio che ci abbia messo il nostro amico Johnny Ive, come lo chiama Jobs durante i keynote! Ed in effetti il nome suona molto simile!

Actarus ha detto...

Splendido articolo. Bellissime le similitudini con Apple... mi erano del tutto sfuggite. Anche se in effetti il robottino EVE mi ricordava qualcosa...

reloaded ha detto...

complimenti, bell'analisi. Inoltre il film è splendido

:)

Niegelring ha detto...

Ciao, sono contenta di aver letto la tua analisi del film, le chicche tecnologiche mi mancavano per la maggior parte, un bell'articolo tecnico e, naturalmente, il film è bello, bei valori, bella trama e anche divertente.

Francesco ha detto...

Veramente un bel punto di vista il tuo, mi è piaciuto molto, vale quasi la pena rivedermi Wall-E soffermandomi a cogliere tutti questi aspetti ;) Francesco

Claudia ha detto...

Eccomi, sono corsa a leggere il tuo post dopo aver letto il tuo commento e sono colpita: interessantissima analisi! Tutte questi particolari tecnici sono estremamente affascinanti

tommi ha detto...

grazie per le ulteriori perle che hai segnalato. da notale quella per cui i film disney non vadano più a braccetto con i mcmenu.
per il resto ho notato che abbiamo rilevato diverse similitudini in comune.
complimenti per il blog!
tommi

Valeria ha detto...

Bello il tuo commento e pieno di particolari tecnici. Sono particolarmente d'accordo sull'ultima parte, degli adulti che lo bolleranno come film per bambini, già lo fanno purtroppo...