FOLLOW ME > facebook blog | photography* | twitter | instagram* | rss

12 settembre 2010

L'iMac fa i capricci (e aveva anche un po' di ragione)

Ieri vi ho raccontato la disavventura con il mio iMac. In realtà la cosa risale a giusto un paio di giorni fa (Mercoledì scorso), ma il tempo di riprendere possesso della macchina e scrivere l'articolo mi ha portato a pubblicare tutto oggi.

Il giorno dopo (Giovedì) chiamo un mio amico che ha un MacBookPro per vedere se riesce a leggermi quell'immagine .dmg che ho creato ieri e che non so nemmeno se funziona. Collego l'HD esterno al suo Mac e proviamo ad aprirla. L'indicatore di avanzamento si muove di micron al minuto e dopo mezz'ora lasciamo perdere. Se non altro non ha dato errori e la cosa fa buon sperare.

Lascio che il mio amico torni a casa sua e mi metto di impegno per chiamare l'assitenza Apple (non il negozio che mi ha venduto il Mac, penso che non ci entrerei più nemmeno se me ne regalassero uno). Vado in posta, ricarico la Postepay e mi prepraro ai 179€ per l'estensione della garanzia sia tecnica che telefonica di 2 anni, oltre al primo anno che è già coperto (anche se l'assitenza telefonica il primo anno dura 3 mesi ed è prossima alla scadenza).

Vado sul sito Apple, pagina Support e dopo aver inserito il numero di serie inizio a dare un'occhiata a come funziona l'assistenza telefonica gratuita. Loro la chiamano "gratuita" ma in realtà è sempre un numero 199 quindi ha sempre i suoi costi, però vi anticipo già che per 40 minuti il costo medio è di poco più di 5 euro. Una cifra che equivale alla telefonata al negozio e al viaggio di andata e ritorno perp portare il Mac, escluso il viaggio per andare poi a rititirarlo. Quindi a conti fatti non è nemmeno quel salasso che si potrebbe pensare.

A dirla dutta, sono i migliori 5 euro che abbia mai speso in vita mia. Telefono e dopo un paio di tentativi riesco a prendere la linea, mi risponde un ragazzo molto cordiale. Gli do il numero di serie e nota subito che il mio supporto telefonico è arrrivato alla fine dei 3 mesi e mi propone subito di rinnovarlo, ovviamente accetto visto che mi risparmia un passaggio al computer, dopo 1 minuto avevo già l'estensione della garanzia attiva.
Passo a spiegargli il problema, e qui il tipo si dimostra subito comprensibile, in gradi di ascoltarmi e di consigliarmi. Anzi, mi guida passo passo in tutte le operazioni e mi da i vari consigli per verificare l'HD, in certe situazioni sono 2:
  1. da Utility Disco verificare la voce S.M.A.R.T. che deve essere "Verificato", se appare un "Fallito" è già il primo sintomo che l'HD ha problemi.
  2. sempre da quell'applicazione, nel caso abbiate già fatto il backup, formattate l'Hd con la procedura che scrive tutti zeri sull'HD. In questo modo impiegherete molto più tempo ma il sistema avrà il tempo di passarsi in rassegna l'HD e potrà identificare subito i settori danneggiati.
Sinceramente non sapevo queste cose e lui mi ha spiegato bene tutta la procedura. Ma soprattutto ha sempre risposto prontamente a tutte le mie domande, senza problemi o senza dimostrarsi troppo saccente nei miei confronti. Mi ha anche consigliato l'acquisto di un gruppo di continuità per proteggere il Mac dagli sbalzi di corrente, aggiungendo di prenderne un modello provvisto anche di porta per il cavo telefonico, tutti consigli che ho subito messo in partica.

Nonostante tutto ciò il ragazzo mi ha subito rassicurato che se avessi avuto problemi mi avrebbe mandato a casa un CD per poter effettuare dei test oppure avrei potuto scegliere tra un tecnico a casa o magari (nelle peggiori delle ipotesi) mi avrebbe inviato un corriere con già pronto l'imballaggio per spedire il mio Mac in assistenza, ovviamente gratis. Senza fare un passo da casa, anzi, addirittura si può scegliere un indirizzo diverso dove farsi ritirare il Mac, nel caso si lavori e non si può essere a casa.

Insomma un tecnico davvero molto preparato, gentile e disponibile, al che non ho potuto non dire che hanno un trattamento che sembra quasi da sogno, perché dai rivenditori quando si telefona per problemi, si è subito visti male, io ho avuto pessime esperienze a riguardo (ne ho parlato qui due mesi fa), ci sono sempre trafile noiose da fare, tocca imballare tutto e andare in negozio, tanto che gli ho parlato del mio stupore a questo tecnico.
La sua risposta è stata sorridendo e facendola sembrare ovvia: "Eh, ma guarda che io lavoro direttamente per Apple, non sono mica un rivenditore!". Effettivamente nonostante la risposta sembrasse altezzosa aveva ragione.

Abbiamo trovato anche il tempo di parlare dei vecchi Mac e dei vecchi processori G5, che Apple non è mai riuscita a mettere su un portatile (la storia la trovate qui) e di scherzare un po' come vecchi amici.

Una volta chiusa la telefonata non ho dovuto fare altro che chiudere Utility Disco e far partire la rinstallazione del sistema operativo, due click ed ero già a posto, pronto per reimportare i miei vecchi dati.

In realtà secondo me più che uno sbalzo di corrente è stata una punizione di Steve Jobs :D
Non mi sono mai interessato a Time Machine, nonostante le storie di quelli che dopo problemi come il mio avessere recuperato i dati senza problemi con quel programma (che si trova anche gratuito all'interno del Mac). Ecco, la prima cosa che ho fatto è stata proprio quella di utilizzare u HD esterno e avviare Time Machine nella speranza che il misericordioso Jobs mi sappia perdonare!

PS. Quando si apre un .dmg abbastanza grosso, in realtà il Mac cerca di verificarlo, se non si vuole aspettare ore basta cliccare su ignora ed il gioco è fatto. Davvero più semplice del previsto. Apple anche nei momenti peggiori riesce a farti sentire comunque abbastanza tranquillo.

3 commenti:

Noy a.k.a. Manah ha detto...

Leggendo lo scorso post, temevo avresti mandato a quel paese Apple e Jobs, per passare a Linux o peggio, a Windows... :D

Momo ha detto...

Ma che ci fai tu a sti mac? :-) Guarda che bisogna accudirli e amarli come dei bimbi! Non è che per caso nella stessa stanza dove c'è il mac, c0è anche un PC? Va che è geloso! Sposta il PC da quella stanza!

Saint Andres ha detto...

Noy, no no, non mi permetterei mai per ora di abbandonare Apple, certo all'inizio c'ero rimasto male ma la telefonata all'assistenza mi ha davvero risollevato!

Momo, cerco di fare il possibile, però purtroppo dove lo uso deve condividere la scrivania con un portatile di 5-6 anni fa, ma lui sa che il portatile non lo uso mai :D Ho occhi solo per lui!! Però magari ogni tanto sai com'è la gelosia :D