FOLLOW ME > facebook blog | photography* | twitter | instagram* | rss

25 ottobre 2006

Chillout & Lounge

Questa volta l'appuntamento musicale è più che altro una guida nel mondo dei miei brani preferiti chillout e lounge. I due generi tutto sommato si possono fondere in un unico genere, che indica in molti casi più un contesto che un genere, uno stile di vita, nel mio iPod non mancano mai brani di questo genere, e nei momenti di relax questa è la musica che passa attraverso i diffusori del mio iMac.

Parto subito con due brani che ascolto spessissimo e che sono un po' il punto di congiunzione tra house e lounge, elettronica e chill out. Difficile ad immaginarsi uan cosa del genere, è più facile ascoltare questi due brani.

Daft Punk "Verdis quo": fantastico. Non ci sono altre parole per ascoltarlo, nella mia classifica di iTunes è al primo posto per ascolti da tempi immemori.
Modjo "Acknowledgement": un perfetto equilibrio tra chill out e house, atmosfere senza tempo sospese nel suono ambient.

Adesso è il turno di uno dei remixer lounge più stimati a livello mondiale, uno dei miei preferiti, l'unico capace di trasformare un brano house in un torrente di musica lounge.

Afro Medusa "Pasilda (Afterlife remix)": ritmo latino, esotico, ritmi sempre controllati, senza eccessi.
Dannii Minogue "You won't forget about me (Afterlife lounge mix)": romantico, sensuale, che sconfina nella musica acustica (la chitarra è da ascoltare chiudendo gli occhi) il remix di una delle canzoni che ha fatto scatenare i dancefloor in tutta Europa. Vista l'occasione vi consiglio di ascoltare anche la versione house da cui è stato effettuato il remix, ovvero "Flower power" di Flower Power.
Roger Sanchez "Another chance (Afterlife remix)": oltre alla struggente versione originale con questo remix entrerete in una nuova dimensione della musica lounge, anche qui chitarre e pianoforte si intrecciano creando un'atmosfera malinconica, ma rilassante.

Questo capitolo lo chiamerei V.I.P. Lounge, in onore del secondo disco di "The double album" uno dei capolavori di Mauro Picotto. Questo cd infatti è dedicato alla selezione lounge del dj italiano, con alcuni pezzi che meritano di essere ascoltati.

Phil Sawyer "In Existence": un breve viaggio nelle distese della savana africana, non so ma a me viene in mente quest'immagine. Atmosfere etniche ed eleganti alo stesso tempo, adatto ad ogni tipo di situazione.
Massimo Chiticonti "Pacific Unplugged": non sembrerebbe neppure che stiamo parlando di Joy Kitikonti però è così. Sonorità che definire elettroniche sarebbe inappropriato unite con melodie e cantati decisamente tribali, quasi afro.

Spazietto R&B, due canzoni che di sicuro gli appassionati di musica conosceranno, a prescindere dal fatto che apprezzino o no la musica lounge. Anche questi due brani sono tratti da V.I.P. Lounge.

Warren G "Prince Igor": uno dei pochissimi esempi di come una canzone "classica" possa andare d'accordo con i canoni della musica hip hop/r&b. In questo caso abbiamo la melodia presa dall'opera russa Prince igor (l'estratto femminile è ad opera della norvegese Sissel Kyrkjebø) e una parte vocale ad opera di Warren G.. LA base risulta unica nel suo genere, o per lo meno nella versione contenuta nel cd di Picotto: la cassa è un vero e proprio "battito" imponente, impossibile da non notare, anche ai volumi più bassi, secondo me dona un pizzico di aggressività che non guasta.
Mauro Picotto "Get together": canzone che riprende il breve intermezzo di Komodo/Save a Soul, a tratti più lounge in altre occasioni più R&B, decisamente perfetta per una serata in un locale raffinato, ma anche per rilassarsi a casa propria, notando il livello di trasformazione da hit house a canzone lounge.

9 commenti:

ape ha detto...

oh, un genere che apprezzo: il chill out, lounge, d'atmosfera e cose simili..non intendendomene un granchè parlo solo per nomi di artisti che ho ascoltato; ti consiglio l'ascolto di:
- Bonobo
- Gotan Project

e poi, come non potevano mancare gli indiani? Karunesh o Deepak Ram, Oliver Shanti con "sacral nirvana", Ganga..

Il ciclo del Buddha Bar è un buon primo passo per chi inizia l'ascolto di qst genere.

anche se non mi leggi nè mi rispondi, accetta il consiglio per qst volta...così, tanto per provare.

Saint Andres ha detto...

Certo certo, accetto il consiglio. E ti ringrazio pure, perchè ogni consiglio è sempre ben accetto.
E magari mi impegno di più a leggerti di più, anche con il tempo a goccie che mi ritrovo.

ape ha detto...

...una mail arrivatami, cerca di te: ZION!

ti mando il suo ind. via mail

Saint Andres ha detto...

Grazie Ape, ho ricevuto tutto ;-]

Piggio ha detto...

ok
diamo inizio allo scaricaggio!

Saephyroth ha detto...

Io ci metto dentro anche i Koop via...

Paky ha detto...

io sinceramente pur apprezzando quanto postato da s.a. aggiungerei e consiglierei Lino Cannavacciuolo, che se ancora non lo avete ascoltato, bhè fatelo ora! Inoltrem i sento di spendere 2 paroline per il volume 4 di hotel costes ... solo per dargli un'ascoltatina di piacere ... infinito.
occhi chiusi e musica in sottofondo.

e poi non so ... vabbè ... basta cosi dai

ci sono gli italianissimi agricantus, l'immancabile Nicola Conte, un pò più verso un sound new age il grande pat con letter from home,

Saint Andres ha detto...

x PAKY: thanks, in effetti sulla musica lounge italiana non sono preparatissimo.

zazzak ha detto...

Se volete ascoltare questo genere se siete scritti su Facebook cercate The chillou Lounge numero in Italia vi aspettiamo.

Sito web.
http://thechilloutlounge.jimdo.com/